Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it

FLORITERAPIA - I FIORI DI BACH Cenni e storia del padre fondatore Edward Bach - Proprietà curative dei 38 Fiori di Bach

Scritto da Super User
on 28 Marzo 2015
Visite: 3223

 

    Agrimony (Agrimonia)

Per tutti coloro che hanno paura di mostrare i propri sentimenti, sempre sorridenti, dietro la maschera delle persone giulive, ricorrono spesso a droghe e alcool per dimenticare le pene. Evitano le discussioni.

 

   Aspen  (Pioppo)

Per tutte le paure indefinite e vaghe; quella del buio, della magia, dei mostri... Adatto per tutte le persone che hanno una particolare sensibilità. Per coloro che hanno incubi, svenimenti, sonnanbulismo... Per I banbini che hanno paura.

 

   Beech  (Faggio)

Per chi è intollerante ed arrogante e vede solo il lato negativo delle cose. Esige precisione e disciplina rigida, conse stesso e con gli altri.

 

 

   Centaury  (Centaurea minore)

Non si sa dire di no, timido e remissivo, sottomesso a persone forti, diviene “servile”.

 

 

   Cerato  (Piombaggine)

Quando non si pone sufficiente ascolto alle proprie impressioni e decisioni, chiedendo in continuazione un parere agli altri senza però tenerne conto.

 

 

   Cherry plum  (Mirabolano)

Quando si ha paura di perdere il controllo del corpo e della mente, si è impulsivi e non ci si controlla. Si ha paura di far del male agli altri. Si è sul punto di scoppiare.

 

 

   Chestnut Bud  (Gemma di Ippocastano)

Non si impara mai dal passato, ripetendo sempre gli stessi errori. Ci vuole molto tempo per apprendere. Quando non si riesce a staccarsi dagli errori passati. Per i ragazzi che sono indietro con la scuola.

 

 

   Chicory (Cicoria)

Si vuole bene agli altri, ma si vuole essere contraccambiati. Si è preoccupati per gli altri in maniera tale da poterli comunque anche controllare. Si tiene la casa in maniera impeccabile, stressandosi e stressando. Possessivi, gelosi. Bambini che vogliono l’attenzione.

 

 

   Clematis (Vitalba)

Si ha la testa fra le nuvole, manca la memoria, si è facilmente distratti. Il pensiero è molto spesso rivolto al futuro, a volte per sfuggire al presente e ai relativi problemi. Romantico, artista.

 

 

  Crab apple (Melo selvatico)

Si ha la sensazione di essere sporchi, inquinati, sia fisicamente che psicologicamente. Adatto anche per tutti coloro che non si accettano.

 

 

    Elm (Olmo inglese)

Quando tutto è troppo. Anche se si è forti e capaci, momentaneamente non si pensa di non essere all'altezza. Come se le gambe non reggessero al peso di quel momento.

 

 

    Gentian (Genzianella)

Si è tristi, depressi, ogni ostacolo abbatte e si è tentati di abbandonare. La causa di questa tristezza è generalmente nota, si ha la tendenza ad avere sempre una sorta di diffidenza, anche verso la felicità.

 

 

    Gorse (Ginestrone)

Depressione cronica. Malattie genetiche. Non si ha più la forza di fare nulla rispetto al problema che si ha, ma poi si tenta ancora qualcosa solo perché qualcun altro spinge a muoversi.

 

 

   Heather (Erica)

Si ha bisogno di amore, di sentirsi considerati. Si parla delle proprie cose con chiunque per avere comprensione. E’ difficile liberarsene.

 

 

     Holly (Agrifoglio)

Si è vendicativi, arrabbiati, gelosi con gli altri, e lo si dimostra. Si vedono aspetti negativi dietro ogni avvenimento, o si ha la sensazione di essere raggirati.

 

 

    Honeysuckle (Caprifoglio)

Si vorrebbe tornare indietro, rivivendo i momenti passati di cui si ha nostalgia. Il pensiero è ancorato ai ricordi piacevoli ormai andati.

 

 

     Hornbeam (Carpino)

Ci si sveglia al mattino stanchi e non completamente in forma, fino allo scomparsa della stanchezza. Il sintomo del lunedì mattino. La stanchezza si mostra soprattutto a livello mentale, come sovraffaticamento. Adatto ai convalescenti.

 

 

    Impatiens (Non mi toccare)

Si fa tutto di fretta, passando da una cosa all'altra. Le persone lente non sono sopportate, tanto che si preferisce star soli con il proprio ritmo, piuttosto che dietro ai tempi degli altri.

 

 

    Larch (Larice)

Non si ha fiducia nelle proprie capacità, gli altri sono ritenuti sempre migliori di se stessi. La paura di non saper riuscire in un impresa, spesso non permette neanche di iniziarla.

 

 

      Mimulus (Mimolo)

Per tutte le paure definite, conosciute. Per le persone timide, paurose della folla, che arrossiscono facilmente. Si hanno spesso mille paure.

 

 

     Mustard (Senape)

Ci si sente sotto una “cattiva stella”.Si è improvvisamente giù d'umore, senza conoscerne la causa. Si è come avvolti in una nube nera, che improvvisamente come è arrivata, così se ne va.

 

 

    Oak (Quercia )

Quando si pensa di essere indispensabili ed insostituibili. Si accetta di prendersi il carico di tutto, non si abbandona mai la lotta. Tutto è sopra le proprie spalle.

 

 

    Olive (Olivo)

Stanchezza, spossatezza profonda, si dormirebbe sempre. La causa potrebbe essere dovuta ad una situazione a cui si è dedicata tanta energia per tanto tempo con abnegazione, ad esempio una malattia o un periodo particolarmente stressante

 

 

     Pine (Pino)

Si pensa di essere colpevoli anche di situazioni altrui. Si sente che non si merita niente. Si è come un peso per gli altri, si vorrebbe non disturbare, chiedendo spesso scusa..

 

 

    Red chestnut (Castagno rosso)

La paura per la salute e l'incolumità degli altri è la fonte principale di stress. Se qualcuno ritarda il primo pensiero va verso gli incidenti. Si è sempre apprensivi per le persone care.

 

 

   Rock rose (Eliantemo)

Quando la paura si trasforma in panico, in terrore e non si riesce a reagire, anche di fronte ad un'emergenza. Per i risvegli improvvisi dovuti ad incubi.

 

 

  Rock water (Acqua di sorgente)

Si è inclini all’orgoglio e al fanatismo religioso. Se è sempre a dieta. Si è rigidi con se stessi, le regole autoimposte vengono rispettate in maniera impeccabile. Si vuole essere di esempio agli altri senza convincerli ma facendo vedere cosa si fa.

 

 

  Scleranthus (Scleranto – Fior secco)

Quando si va in crisi di fronte ad una scelta che prevede due possibilità. L'umore cambia facilmente passando rapidamente dall'allegria alla tristezza. Per il mal d'auto, d'aria o di mare.

 

   Star of Bethelhem (Stella di Betlemme)

Quando un trauma o un'esperienza del passato sono i responsabili di alcuni attuali atteggiamenti. Per tutti i traumi.

 

 

   Sweet chestnut (castagno dolce)

La buia notte dell’anima.Quando non si ha più alcuna speranza, ci si sente persi ed abbandonati al destino. Quando si ha bisogno di una boccata di ossigeno per riprendere a vivere con speranza.

 

 

    Vervain (verbena)

Si è facilmente entusiasti e si vuole assolutamente convincere anche gli altri delle proprie opinioni. Le ingiustizie fanno infuriare, prendendo posizione.

 

 

   Vine (vite)

Si è dominatori, gli altri debbono ubbidire. Per chi si sente un capo fin dalla nascita. Non si vuole convincere, gli altri debbono eseguire. A volte si è violenti e crudeli.

 

 

    Walnut (Noce)

Quando si è in una fase di cambiamento, per facilitare il passaggio dal vecchio al nuovo. Per chi soffre di meteoropatia (sintomi legati a fattori meteorologici).Per chi ha bisogno di protezione.

 

 

    Water violet (Violetta d’acqua)

Da soli si sta bene e non si sente il bisogno di uscire con gli altri. Si è comunque delle persone responsabili che gli altri apprezzano e ricercano, pur essendo un po' distaccati.

 

 

   White chestnut (Castagno bianco)

Ci sono dei pensieri che si ripresentano continuamente, anche senza volerlo. I problemi divengono asfissianti, in quanto la mente vi ritorna sempre.

 

 

    Wild oat (Forasacco)

Quando si è capaci di fare qualsiasi cosa, ma non si sa più cosa scegliere e quale strada intraprendere. L'indecisione è generalizzata non fra due cose. Si è insicuri sul lavoro.

 

 

   Wild rose (Rosa canina)

Per l'apatia, la stanchezza dovuta ad una mancanza di interesse per le cose quotidiane. La routine rende ancora più stanchi e svogliati. Ci si arrende.

 

 

   Willow (Salice giallo)

Si è risentiti con qualcuno o qualcosa. Non ci si sente sufficientemente ricompensati e amati dalla vita, nonostante gli sforzi. Si pensa che gli altri siano stati maggiormente ripagati di ciò che hanno fatto.