Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it

NATUROPATIA - DISINTOSSICAZIONE

15. 03. 28
posted by: Super User
Ultima modifica: 10 Febbraio 2016
Creato: 28 Marzo 2015
Visite: 13623

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La maggior parte dei disturbi è dovuta all'effetto delle tossine che si depositano nell' organismo, provocando infiammazioni e reazioni nocive.Perciò la disintossicazione è una componente fondamentale di qualsiasi intervento curativo.Molti rimedi "verdi" sono adatti per svolgere una funzione depurativa. Eccone alcuni di seguito:

 

 

        CARDO MARIANO  per depurare il fegato

 

Per disintossicarsi in profondità è molto importante depurare il fegato, l'rgano deputato a fare da "filtro". In particolare è nel fato che si depositano le scorie nocive lasciate dai farmaci. Per rigenerarlo e ripulirlo , è utile l'azione del Cardo Mariano, una delle piante più indicate nella cura dei disturbi epatici. Infatti contiene la silimarina, un principio attivo che aiuta a rimuovere i "veleni" dalla ghiandola epatica e stimola il rinnovamento dei tessuti del fegato. Il Cardo è indicato a chi è "intossicato" da medicianli e dall'alcol e a chi soffre di malattie epatiche.

Modo d'uso:  bere 20 gocce di tintura madre di cardo mariano diluite in poca acqua, 3 volte al giorno, mezz'ora prima dei pasti. In caso di disturbi cronici del fegato, meglio evitare la tintura alcolica e usare invece le capsule di estratto secco. Oppure si può bere una tazza di decotto, da prendere dopo i pasti: far bollire 10g. di cardo mariano(pianta intera) in una tazza d'acqua per 10 minuti. Lasciare intiepidire, filtrare e bere subito.

 

 

            POMPELMO    efficace drenante

 

Di origine incerta, anche se probabilmente asiatica, il pompelmo si diffuse rapidamente in tutti i Paesi caldi a partire soprattutto dall'Ottocento. A scoprire le sue straodinarie qualità curative fu un medico americano che, incuriosito dalla sorprendente resistenza alla decomposizione di semi e bucce del frutto, ne analizzò la composizione scoprendone le proprietà antivirali, anibatteriche, e antifungine. Ottimo stimolante del sistema immunitario, antiossidante e rinvigorente, il frutto contiene un glucoside antivirale dal sapore amarognolo -la narigina- oltre a minerali e vitamine. Molto potente è l'estratto dei suoi semi, attivo contro una vasta varietà di batteri e di funghi, tra cui la Candida albicans. Ricco sia di vitamina C che di antiossidanti, il pompelmo migliora i naturali processi di depurazione del fegato.

Il succo di Pompelmo appena spremuto fà aumentare la produzione di enzimi che aiutano a eliminare le tossine.

Modo d'uso:  assumere l'estratto di semi, 3 gocce, due volte al giorno, diluite in acqua o succo di frutta, per non più di 10 giorni. Attenzione: sia il frutto che l'estratto di semi non vanno assunti da chi assume medicinali.

 
 
           GINEPRO  depurazione dai farmaci
 
 
Il gemmoderivato che si ricava dai giovani germogli di ginepro è considerato tra i migliori rimedi drenanti adatti a depurare un fegato affaticato, in particolare quando lo scompenso epatico è dovuto all'abuso di farmaci o di bevande alcoliche, ma anche in caso di epatite virale, insufficienza e coliche. Oltre a regolare le funzioni metaboliche del fegato, il ginepro riduce i livelli di colesterolo nel sangue, l'iperglicemia e normalizza sia le transaminasi che le beta-lipoproteine, un tipo di proteine associate sia all'abuso di grassi che all'ipotiroidismo.
In più esercita un'azione riequilibrante sulle componenti neurovegetative della funzione digestiva.
 
Modo d'uso: prendere il gemmoderivato di ginepro nella dose di 30 gocce diluite in mezzo bicchiere d'acqua minerale, due volte al giorno , preferibilmente 10-15 minuti prima dei pasti principali.
In ogni caso seguire le indicazioni riportate sulla confezione del prodotto  acquistato.