Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it

NATUROPATIA - DOLORI e MALESSERI

15. 03. 28
posted by: Super User
Ultima modifica: 10 Febbraio 2016
Creato: 28 Marzo 2015
Visite: 11459

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 
 
 
Alcune piante, grazie ai loro principi attivi, svolgono una valida azione antisettica, antinfiammatoria, antibatterica e antivirale, utili per combattere dolori e malesseri.
 
 
 
        EUCALIPTO    il  rimedio per l'influenza
 
 
Potente antisettico delle vie respiratorie, antibatterico, antivirale e febbrifugo, l'eucalipto è uno dei migliori rimedi per affrontare l'influenza.
Le sue foglie, ricche di oli essenziali aromatici come l'eucaliptolo, sono usate in medicina per le loro virtù balsamiche, fluidificanti, espettoranti, antisettiche. Sono dei toccasana in caso di catarri bronchiali, nelle pleuriti, nelle bronchiti, nella tosse e quando compare la sinusite.
 
Modo d'uso: assumere la tintura madre di eucalipto, nella dose di 20 gocce, diluite in poca acqua minerale naturale, duo o tre volte al giorno . Proseguire la cura fino a miglioramento della sintomalogia. Ripetere il ciclo ogni volta che si avverta un sintomo "sospetto".
 
 
 
           PINO MONTANO  per i disturbi articolari
 
Tra le erbe ad azione antinfiammatoria e antireumatica il pino montano è il più facile da usare perché, contrariamente ad altri rimedi, non crea problemi allo stomaco. Oltre a stimolare la rigenerazione generale del tessuto osseo e di quello cartilagineo, e a bloccare la degenerazioni delle cartilagini, il pino interviene direttamente sul dolore con la sua azione antinfiammatoria e antiedemigena, riducendo rapidamente la rigidità articolare e restituendo mobilità alla parte affetta. E' utile anche per accelerare il processo di guarigione delle fratture.
 
Modo d'uso : prendere il macerato glicerico di pino montano, nella posologia di 40 gocce, da sciogliere in mezzo bicchiere d'acqua minerale naturale, una volta al giorno.
 
 
 
          TIMO   per curare le vie respiratorie
 
Le sue proprietà antibatteriche e antidegenerative erano conosciute già dagli antichi Egizi, che lo impiegavano nelle pratiche di mummificazione. Ricco di fenoli antisettici come il timolo e il carvacrolo, il timo ha la capacità di esercitare una potente azione antibatterica senza danneggiare le mucose gastroenteriche.
Molto versatile, è efficace tanto nelle infezioni intestinali che in quelle delle vie urinarie, ma anche nei problemi dell'apparato respiratorio come asma, bronchiti e laringiti. Carminativo e stimolante, combatte le gastriti croniche e riequilibra la peristalsi intestinale.
 
Modo d'uso : assumere il timo sotto forma di tintura madre, nella dose di 30 gocce, da diluire in poca acqua minerale naturale, due volte al giorno.
Nelle bronchiti associare all'uso interno, dei massaggi al petto con 3 gocce di olio essenziale di timo diluite in un cucchiaino di olio di mandorle.